Casa / Notizie / Internazionale / Mercato russo riaperto 18 fornitori di pesce peruviana
Rusia reabrió mercado para 18 proveedores de Pescado peruano

Mercato russo riaperto 18 fornitori di pesce peruviana

Ha annunciato oggi che la Russia riprende le importazioni di pesce peruviana per un totale di 18 fornitori dopo Mosca ieri ha vietato l'approvvigionamento alimentare degli Stati Uniti e dell'Unione europea in risposta alle sanzioni occidentali.

“Considerando l'interesse del Perù per espandere le loro scorte di cibo, il servizio di ispezione agricola russa e Bestiame (SIAG) ritenuta possibile ripresa delle importazioni di pesce da 18 stabilimenti di trasformazione del pesce peruviana” Russia, SIAG ha riferito in un comunicato.

Il ministero ha aggiunto che tale approvazione è condizionata sono rispettate le garanzie previste dalla parte peruviana dei servizi sanitari russi.

Il SIAG ha anche chiesto Perù per ispezionare i loro stabilimenti lattiero-caseari, al fine di stabilire se essi soddisfano i requisiti della Russia e l'Unione doganale (formata oltre alla Russia, Bielorussia e Kazakistan) per entrare nel mercato russo.

Perù ha unito i paesi latino-americani con cui Mosca ha accettato di aumentare le esportazioni di prodotti alimentari a seguito del divieto sulle importazioni di una serie di prodotti alimentari provenienti dagli Stati Uniti e l'Unione europea, tra gli altri.

Un altro paese che ha espresso la volontà di ampliare l'elenco dei fornitori di prodotti alimentari in Russia è stato il Brasile, forse uno dei principali beneficiari della decisione della Russia di imporre un embargo sui prodotti alimentari da parte dell'Unione europea e gli Stati Uniti ei cui rappresentanti ha incontrato il SIAG direttore Sergey Dankvert.

“Tenendo conto della fornitura di servizi veterinari brasiliani offrire le necessarie garanzie, l'SIAG è pronta a prendere in considerazione l'aumento del numero di fornitori” dal paese sudamericano, secondo la nota.
Dankvert anche incontrato ieri con l'Ecuador, Cile, Argentina e Uruguay ambasciatori a Mosca.

Russia ieri ha colpito l'industria alimentare in Occidente vietando l'importazione di carne di manzo, carne di maiale, verdure, frutta, pollame, pesce, formaggi, latte e prodotti lattiero-caseari da parte dell'Unione Europea, Stati Uniti, Australia, Canada e Norvegia.

Solo nel caso dell'UE, principale partner commerciale della Russia, le importazioni agro toccato 12.000 milioni di euro dello scorso anno, di cui circa 5.250 milioni di euro per i prodotti messi al bando, secondo le fonti comunitarie.

FONTE: Elcomercio.pe

Sul Perù Pesquero

Peru Pesquero

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scorrere fino a Top