Casa / Notizie / Internazionale / Le emissioni di carbonio da foreste sono diminuite del 25% tra il 2001 e il 2015

Le emissioni di carbonio da foreste sono diminuite del 25% tra il 2001 e il 2015

Le emissioni totali di carbonio da foreste sono scesi di oltre il 25 per cento tra il 2001 e il 2015, principalmente per effetto del rallentamento dei tassi di deforestazione globale, secondo le nuove stime pubblicate dalle Nazioni Unite per Alimentazione e l'Agricoltura (FAO).

Le emissioni globali di deforestazione è sceso 3,9-2,9 gigatonnellate (Gt) di anidride carbonica (CO2) all'anno in 2001-2015. La deforestazione è definito come un cambiamento di uso del suolo, dalla foresta ad altri usi del suolo.

“E 'incoraggiante che la deforestazione globale è in diminuzione e che alcuni paesi in tutte le regioni hanno mostrato notevoli progressi, come Costa Rica, Cile, Uruguay, Brasile, Capo Verde, Vietnam, Cina, Filippine, Repubblica di Corea e la Turchia, e altri“Ha detto il direttore generale della FAO, José Graziano da Silva. “Esorto tutti i paesi a condividere le loro esperienze con altri paesi. Attraverso la cooperazione Sud-Sud, la FAO è pronta a facilitare questa collaborazione e la condivisione della conoscenza”.

La FAO ha sottolineato, mentre, nonostante la riduzione complessiva delle emissioni di carbonio da foreste legati alla riduzione della deforestazione, le emissioni di degrado delle foreste sono notevolmente aumentate tra il 1990 e il 2015, da 0,4 a

FAO ha pubblicato queste cifre per la prima volta il giorno Foresta internazionale, che si celebra il 21 marzo, 2015. Le informazioni provengono da un più ampio studio della FAO sostenuto dalla banca dati sulle emissioni da FAOSTAT e

Gestire le foreste in modo sostenibile per affrontare l'impatto dei cambiamenti climatici

La gestione sostenibile delle foreste si tradurrà nella riduzione delle emissioni di carbonio da foreste e ha un ruolo vitale da svolgere nel contrastare gli effetti del cambiamento climatico, ha sottolineato il Direttore Generale della FAO.

"Le foreste sono fondamentali per il bilancio del carbonio e contengono quasi tre quarti del carbonio totale in atmosfera. Deforestazione e degrado forestale aumentare la concentrazione di gas a effetto serra e, a sua volta, la crescita delle foreste e gli alberi assorbono anidride carbonica, il principale dei gas serra”, ha aggiunto.

Graziano da Silva ha sottolineato il ruolo importante di agricoltura sostenibile per ridurre la pressione sulle foreste, insieme con “l'attuazione del programma UN-REDD per ridurre le emissioni da deforestazione e degrado delle foreste ".

Gli squilibri tra paesi e regioni

Carbon Sequestration da foreste aiuta a compensare, anche se non del tutto, le emissioni globali dovute alla conversione delle foreste ad altri tipi di uso del suolo. Le foreste assorbono e immagazzinano altri due milioni di tonnellate di CO2 all'anno (2011-2015), escluse le emissioni da deforestazione. La metà dei sink di carbonio forestale è legato alla crescita di foreste piantate.

I paesi industrializzati rappresentano ancora la maggior parte dei circa pozzi complessivi di carbonio, con una quota del 60 per cento (2011-2015). Questa percentuale, tuttavia, è diminuito da 65 per cento (2001-2010), a causa principalmente della minore creazione di nuove piantagioni forestali.

Paesi in via di sviluppo rappresentano il 40 per cento del totale rimanente pozzo di carbonio.

In termini di regioni, Africa, Asia e America Latina e dei Caraibi hanno continuato a emettere più carbonio di quanto assorbono, anche se le emissioni in Africa e in America Latina sono diminuiti tra il 1990 e il 2015. Solo il Brasile rappresenta oltre il 50 per cento della riduzione complessiva le emissioni di carbonio stimati tra il 2001 e il 2015.

Le foreste di Europa e Nord America hanno funzionato come lavandini nette di carbonio tra il 1990 e il 2015 in quanto assorbono più carbonio di quanto non emettono, mentre l'Oceania ha mostrato alcuna chiara tendenza delle emissioni forestali nello stesso periodo.

Metodologia

L'analisi della FAO si basa sui dati nazionali presentati all'Organizzazione dei paesi con terra e aria misurazioni. Essi non sono direttamente paragonabili a misurazioni con solo immagini satellitari che, pur utile, non catturano alcuni tipi forestali o le fasi del ciclo di crescita, e facilmente catturano i cambiamenti dinamici di uso del suolo.

Ad esempio, le foreste secche dell'Africa centrale e del Brasile hanno ampi spazi tra gli alberi, hanno spesso poche foglie per gran parte dell'anno, che li rende difficili da catturare da telerilevamento, e le attività di raccolta regolari foreste in gestione può essere percepita come la deforestazione in studi satellitari.

FONTE: Fao.org

A proposito di Genesi Vasquez Saldana

Genesis Saldaña Vásquez

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scorrere fino a Top