Casa / Notizie / Internazionale / Barche cinesi preda Pota, Perico, sgombri e Sgombro
Barcos chinos depredan Pota, Perico, Jurel y Caballa

Barche cinesi preda Pota, Perico, sgombri e Sgombro

Un solitario e instancabile è la nostra battaglia contro l'invasione, in particolare asiatica (cinese e coreano), la flotta straniera nel nostro mare nazionale.

Un po 'di storia.
Il 29 marzo del 2001, l'allora presidente ad interim Valentin Paniagua e ministro della Pesca Ludwig Meier, firmato DS 013-2001-PE, che ha riconosciuto il regolamento di gestione della pesca calamaro gigante o Squid, POR, investendo in questo tipo di pesca

Date le circostanze della campagna elettorale presidenziale e nel quadro del secondo turno nel 2011, dopo aver appreso a titolo definitivo Ollanta Humala Tasso;

Il 4 ottobre 2011, il presidente Ollanta Humala e l'ex -Minister di produzione Kurt Burneo, mettere un freno a questa incursione straniera sleale e emanato il DS O14-2011-produrre, che ha adottato un nuovo regolamento di pesca gigante Squid

Come previsto, lo standard è caduto come un secchio di acqua ghiacciata per funzionari ministeriali abituati a "lobys" e invadere il mare peruviano, che ha avviato una pressione internazionale e coercizione da parte dei datori di lavoro e ambasciatori stranieri, così sta cambiando o modificare il POR di Pota, consentendo loro di rientrare, o meglio ri invadere acque peruviane, mezzi e governi di transizione abrogati.

Il governo nazionalista di ex militare Humala Tasso, è stato caratterizzato da illegalità completo, insieme con la corruzione assicurata dalle "lobys" in questo importante settore;

Le dichiarazioni rese da Majluf, non è andato al Dirigente più di un semplice escandalete, in modo da produrre, giorni dopo le dimissioni del delegato, ha rilasciato una dichiarazione in cui precisa, persistendo nel dare servizi a navi straniere, sottolineando che la

Non vogliamo pensare che questo "dono", è servito alle navi asiatiche, invadere le nostre acque con un semplice permesso di sabbiato, verniciato e manutenzione del motore, permettendo loro di fare quello che sembra loro, compreso il suo equipaggio, i giovani senza
PERUPESQUERO manda un chiaro avvertimento alle autorità sotto condizione di andare a casi specifici per salvaguardare non solo il rispetto della normativa vigente del settore della pesca, ma anche la tranquillità della popolazione peruviana prima dell'invasione asiatica.

Barche predatori jiggers cinesi a Chimbote
L'invasione di centinaia di cittadini cinesi e coreani in questa porta, ha scatenato un'ondata di insicurezza in Chimbote, soprattutto perché non sappiamo chi sono e lo fanno nel nostro porto? Beh, ci chimbotero nostri Mar 60 extrajeras navi impegnate nell'estrazione di Pota o calamaro gigante, che dovrebbe uscire a 200 miglia nautiche; Tuttavia, la maggior parte di questa flotta è in manutenzione presso l'Astilleros de SIMA Chimbote, mentre il suo equipaggio ha trascorso visitare la città, nell'ambito di scandali che minacciano la pace e la tranquillità pubblica.

La presenza di questi cittadini poco interessante e, soprattutto, di preoccupazione, se non fosse che da quando è entrato Chimbote grandi volumi di Pota, dal dicembre 2013, venivano scaricate nei nostri bacini, sono diminuiti notevolmente, i download che sono stati sfruttati

E 'importante notare che in questo particolare ambito di Pota o calamaro gigante, lo Stato attraverso il Ministero delle Attività Produttive ha implementato il nuovo POR, che prevede che una nave straniera per estrarre queste risorse all'interno della nostra zona marina (200 miglia nautiche) è richiesto di avere quote di pesca, che vengono consegnati attraverso gara pubblica, come ci sono sempre eccedenze, che, in Perù, sicuramente lì.
Foto: barche cinesi più di 1000 e 1200 ton dedicate all'estrazione di Pota e Perico, Sima manutenzione in Chimbote.

Sul Perù Pesquero

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scorrere fino a Top